lo sai che

IL PARCO NAZIONALE DEL CILENTO

facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmail

Parco Nazionale del Cilento vallo di Diano e Alburni

IL PARCO NAZIONALE DEL CILENTO  VALLO DI DIANO E ALBURNI

Ci troviamo nel cuore del Mediterraneo in un’area di grande rilevanza sia dal punto di vista naturalistico che culturale: nel Cilento.

Un luogo prezioso e unico proprio perché racchiude in sé una grande ricchezza di Biodiversità biologica e culturale. Ed è proprio per tutelare, per preservare questa immensa risorsa che, nel 1991, viene istituito il Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni.

Il Parco, situato nella parte meridionale della provincia di Salerno ( delimitato a nord dalla pianura del Fiume Sele, a est  dal Vallo di Diano, a sud dal Golfo di Policastro e a e ovest dal Mar Tirreno), si estende per 181.975 ettari di superficie, ed è il primo, in tutta l’area del bacino del Mediterraneo, ad essere incluso nella prestigiosa lista del programma MAB ( Man and Biosfere ) dell’ UNESCO ( l’agenzia delle nazioni unite per l’educazione, la scienza e la cultura ) e a ricevere la qualifica di Patrimonio Mondiale dell’Umanità, unitamente ai siti archeologici di Paestum, Velia ed alla Certosa di Padula.

Inoltre, per le considerevoli particolarità geologiche, dall’ottobre del 2010, il territorio è stato riconosciuto Geo Parco, entrando quindi a far  parte della rete Europea e Mondiale dei Geo Parchi dell’UNESCO.

Un’elevatissima Biodiversità ambientale in un’area geografica relativamente poco estesa che trova la sua così significativa espressione per diversi motivi: per la particolare posizione geografica; per i rilevanti dislivelli altimetrici; per la complessa e articolata morfologia ed orografia del territorio; per la natura diversa dei substrati geologici ed anche per la presenza di attività umane, come la pastorizia e l’agricoltura. Tutti fattori che contribuiscono a formare una grande diversità di ambienti nei quali la vegetazione si insedia, forte e dominante, dando luogo ad una grande varietà di paesaggi di straordinaria bellezza. Nel territorio si sviluppano tutte le fasce vegetazionali caratteristiche dell’Italia peninsulare e con relativa fauna; sono state censite oltre 2000 specie di piante vascolari spontanee, un terzo di tutte quelle presenti nell’intera flora italiana. Inoltre, in esso si annoverano specie di grande valore scientifico, entità botaniche uniche al mondo. Non a caso il Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni adotta come simbolo una pianta, tra le più belle e più rare di tutta l’area mediterranea: Primula palinuri Petagna, proprio ad indicare l’eccezionalità della sua flora.

La “gentilezza” della Natura, la dolcezza del clima hanno reso questa terra particolarmente accogliente per l’uomo da tempi immemorabili. Sono davvero tante le testimonianze antropiche capaci di raccontare, fin dagli albori, il cammino della nostra civiltà: dalle tracce lasciate da antiche culture preistoriche nelle grotte di Marina di Camerota, Pertosa e Castelcivita, all’emblematico ed inquietante altorilievo dell’Antece, nei dintorni di S. Angelo a Fasanella, ai templi di Paestum, all’antica città di Elea – Velia, alle chiese rupestri ancora di S. Angelo a Fasanella. Tutte opere umane che diventano testimonianze di incontro e “contaminazione” culturale di popoli mediterranei che trasformarono questa zona nel centro più importante dell’antichità.

Qui vissero alcuni tra gli iniziatori del pensiero occidentale, tra i primi ad impegnarsi in quel tipo di indagine critica e razionale in cui riconosciamo ancora oggi i tratti salienti di ciò che si denomina solitamente filosofia.

I reperti ritrovati nelle varie campagne di scavi archeologici rivelano che a Velia- Elea e a Paestum fiorì una civiltà che gli studiosi ritengono tra le più sviluppate del mondo antico.  Nell’antica città di Elea ( oggi Velia ) sorse una tra le più importanti scuole filosofiche della Magna Grecia: la Scuola Eleatica. La scuola, fondata da Solofone, ebbe tra i suoi discepoli molte personalità importanti tra cui Parmenide e Zenone.

Oltre alla Scuola filosofica, gli studi archeologici rivelano anche l’esistenza di un collegio medico e di una importante Scuola di Medicina: la Scuola Medica Eleatica.La Scuola medica, fondata da Parmenide, rappresentò in quell’epoca una delle sedi più importanti dell’antica Medicina Tradizionale Mediterranea dove, ovviamente, grande spazio nella terapia era affidato alle erbe officinali del luogo. Inoltre, bisogna riconoscere che ha avuto una importanza fondamentale nella storia della medicina occidentale, costituendo proprio le basi della celebre Scuola medica Salernitana, che fiorirà alcuni secoli dopo.  

 

a cura di

Dionisia De Santis

 

Archivio

Italobus a Castellabate

Dal 18 giugno al 12 settembre Italo bus raggiungerà il Cilento. Il progetto denominato Cilento Blu Club promosso dall’ Assessorato al turismo della Regione Campania……

Biblioteca e Museo del Calcio “Andrea Fortunato”

A S.Maria di Castellabate è aperta la Biblioteca e del Museo del Calcio dedicata ad Andrea Fortunato, calciatore del…

Bandiera Blu e area marina protetta 2015

Per il diciassettesimo anno consecutivo sulle spiagge di Castellabate sventolerà la Bandierà Blu della Fee.
Castellabate si conferma quindi al top…

Castellabate tra i gioielli d’italia 2013

Quest’anno Castellabate, la perla del Cilento è tra i “Gioielli d’Italia 2013” una gran bella soddisfazione per i cittadini e per…

Accademia della Cucina Cilentana e Mediterranea

L’Accademia della Cucina Cilentana e Meditteranea rappesenta un grande passo in avanti per la patria della Dieta Mediterranea. La sede è a Castellabate…

IL PARCO NAZIONALE DEL CILENTO

Ci troviamo nel cuore del Mediterraneo in un’area di grande rilevanza sia dal punto di vista naturalistico che culturale: nel Cilento…

Una finestra su Capri

Una finestra sulla Costiera Amalfitana e l’isola di Capri, a circa un ora di navigazione, uno spettacolo unico al tramonto. Fonte di ispirazione…

Location del film “Benvenuti al Sud”

La scelta del Cilento e di Castellabate in particolar modo come location invece è dovuta a motivi logistici e alla necessita di individuare…

Castellabate è tra i borghi più belli d’Italia

I borghi più belli d’Italia è un club che raccoglie piccoli centri italiani di spiccato interesse artistico e storico. Castellabate premiata tra i borghi…

A 20 minuti i Templi di Paestum

A circa 20 minuti di macchina i famosi Templi di Paestum le cui rovine si sono ben conservate fino ai giorni nostri, la Necropoli, i grandi templi….

Focus on

Castellabate house

castellabate house 009

In posizione strategica all’ingresso di Santa Maria di Castellabate, questi deliziosi appartamenti arredati con gusto e cura di ogni particolare, dalle finiture…

link

Casa Angela

appartamento angela terrazzo

In contesto panoramico sul meraviglioso mare di S.Maria di Castellabate, affittasi splendido appartamento con sei posti letto. Dotato di ogni comfort, internet, tv…

link

Castellabate Suite

LSCD8081elab-bassa

Proprio al centro di Santa Maria di Castellabate, sulla bellissima spiaggia Marina Piccola nasce Castellabate Suite, un casale d’epoca ristrutturato, proprio sul mare..

link